Uso di antiepilettici e rischio di demenza: nessuna associazione. Assoluzione da studio di coorte tedesco [Neuro]

I pazienti che fanno uso di farmaci antiepilettici (AED) non dovrebbero avere timori che il trattamento farmacologico li esponga a un maggiore rischio di sviluppare demenza. È questo il messaggio rassicurante che emerge da uno studio pubblicato online sul “Journal of Alzheimer’s Disease”.

Parkinson, potenziale risveglio delle cellule cerebrali danneggiate con nuova terapia sperimentale [Neuro]

Un farmaco sperimentale potrebbe offrire speranze per il ripristino delle cellule cerebrali danneggiate nei pazienti affetti da malattia di Parkinson, anche se i risultati dello studio pubblicato su Brain e sul Journal of Parkinson’s Disease non sono stati in grado di dimostrare che il trattamento abbia rallentato o arrestato la malattia neurodegenerativa.

Leucemia linfatica cronica, combinazione ibrutinib-obinutuzumab ritarda la progressione, ancor più nei pazienti ad alto rischio. #ASH 2108 [oncologia-ematologia]

Una terapia di prima linea con l’inibitore di BTK ibrutinib e l’anti CD20 obinutuzumab ritarda in modo significativo la progressione della malattia nei pazienti anziani con leucemia linfatica cronica o piccolo linfoma linfocitico e si è dimostrata associata a una riduzione del 77% del rischio di progressione o morte rispetto alla chemoimmunoterapia standard con clorambucile più obinutuzumab nello studio di fase 3 iLLUMINATE (PCYC-1130). I risultati del trial sono stati presentati a San Diego, all’ultimo congresso dell’American Society of Hematology (ASH), e pubblicati in contemporanea su The Lancet Oncology.